31 B 129 [440-45 K., 415-20 St.]. PORPHYR. v. Pyth. 30. Egli [Pitagora] udiva l'armonia dell'universo, intendendo la generale armonia delle sfere e degli astri mossi da queste, che noi non possiamo ascoltare per l'insufficienza della natura. Di ciò dà testimonianza anche Empedocle, dicendo di lui: «Vi era... età mortali». Le espressioni «immensa» e «scorgeva ciascuna delle cose che sono» e «ricchezza di intelligenza» e simili massimamente significative nell'eccelsa e assai sottile conformazione di Pitagora, superiore a quella di tutti gli altri nel vedere, nell'udire e nel pensare [da Nicomaco, come IAMBL. v. Pyth. 15]. 1-2 DIOG. LAERT. VIII 54 [cfr. A 1].

Vi era tra quelli un uomo di immenso sapere,
il quale possedeva massima ricchezza di intelligenza
e soprattutto d'ausilio in opere sagge di ogni specie;
quando infatti egli si tendeva con tutta la sua intelligenza,
facilmente scorgeva ciascuna delle cose che sono, nessuna esclusa
come possono solo dieci o venti età di uomini.

31 B 129 [440-45 K., 415-20 St.]. PORPHYR. V. Pyth. 30. αὐτὸς δὲ (Pythagoras) τῆς τοῦ παντὸς ἁρμονίας ἠκροᾶτο συνιεὶς τῆς καθολικῆς τῶν σφαιρῶν καὶ τῶν κατ' αὐτὰς κινουμένων ἀστέρων ἁρμονίας, ἧς ἡμᾶς μὴ ἀκούειν διὰ σμικρότητα τῆς φύσεως. τούτοις καὶ Ἐ. μαρτυρεῖ λέγων περὶ αὐτοῦ˙ 'ἦν . . . αἰώνεσσιν'. [I 363. 15] τὸ γὰρ περιώσια καὶ τῶν ὄντων λεύσσεσκεν ἕκαστα καὶ πραπίδων πλοῦτον καὶ τὰ ἐοικότα ἐμφαντικὰ μάλιστα τῆς ἐξαιρέτου καὶ ἀκριβεστέρας παρὰ τοὺς ἄλλους διοργανώσεως ἔν τε τῶι ὁρᾶν καὶ τῶι ἀκούειν καὶ τῶι νοεῖν τοῦ Πυθαγόρου (aus Nikomachos wie IAMBL. V. P. 15). 1-2 DIOG. VIII 54 [vgl. A 1 I 277, 33]

[I 364. 1 App.] [v. 1] ἦν δέ τις ἐν κείνοισιν ἀνὴρ περιώσια εἰδώς
ὃς δὴ μήκιστον πραπίδων ἐκτήσατο πλοῦτον,
παντοίων τε μάλιστα σοφῶν τ'ἐπιήρανος ἔργων:
ὁππότε γὰρ πάσηισιν ὀρέξαιτο πραπίδεσσιν,
[I 364. 5 App.] [v. 5] ῥεῖ' ὅ γε τῶν ὄντων πάντων λεύσσεσκεν ἕκαστον
καί τε δέκ' ἀνθρώπων καί τ' εἴκοσιν αἰώνεσσιν.