31 B 42 [194-6 K., 157-9 St.]. PLUTARCH. de fac. in orb. lun. 16 p. 929 C. Quando [la luna], dice Democrito [68 A 89 a], si trova proprio di contro alla sorgente luminosa, essa intercetta e riceve la luce del sole; ma, in conseguenza, sarebbe verosimile non soltanto che la luna risplenda, ma anche che, attraverso di essa, traspaia la luce del sole. Tuttavia essa, oltre al fatto che è ben lungi dal produrre tali effetti, è talvolta oscura e spesso nasconde e cela «e a lui intercetta i raggi», come dice Empedocle, « ... dal chiaro occhio», come se la luce del sole si fosse imbattuta nelle tenebre e nel buio e non in un altro astro... Resta vera dunque l'opinione di Empedocle, che per un riflesso del sole sulla luna, si produce qui il chiarore che viene da essa. Onde si spiega come essa non irraggi né calore né splendore verso di noi, come sarebbe verosimile se ci fosse accensione e mescolanza di raggi, ma come le voci, ripercuotendosi, rendono l'eco del suono più debole.... «come il raggio... della luna» [B 43] debole e oscuro riflesso ha verso di noi per la rifrazione della sua potenza [cfr. A 59].

A lui intercetta i raggi
fintanto che passa sopra di lei e della terra copre di ombra
tanto quanto si estende l'ampiezza della luna dal chiaro occhio.

31 B 42 [194-6 K., 157-9 St.]. PLUT. de fac. in orb. lun. 16 p. 929 C κατὰ στάθμην, φησὶ Δημόκριτος [68 A 89 a], ἱσταμένη [sc. ἡ σελήνη] τοῦ φωτίζοντος ὑπολαμβάνει καὶ δέχεται τὸν ἥλιον˙ ὥστ' αὐτήν τε φαίνεσθαι καὶ διαφαίνειν [I 330. 1] ἐκεῖνον εἰκὸς ἦν. ἡ δὲ πολλοῦ δεῖ τοῦτο ποιεῖν˙ αὐτή τε γὰρ ἄδηλός ἐστι τηνικαῦτα κἀκεῖνον ἀπέκρυψε καὶ ἠφάνισε πολλάκις 'ἀπεσκεύασε δέ οἱ αὐγάς' ὥσπερ φησὶν Ἐ. 'ἔστε αἶαν καθύπερθεν ... μήνης', καθάπερ εἰς νύκτα καὶ σκότος, οὐκ εἰς ἄστρον ἕτερον τοῦ φωτὸς ἐμπεσόντος ... ἀπολείπεται τοίνυν [I 330. 5 App.] τὸ τοῦ Ἐμπεδοκλέους, ἀνακλάσει τινὶ τοῦ ἡλίου πρὸς τὴν σελήνην γίγνεσθαι τὸν ἐνταῦθα φωτισμὸν ἀπ' αὐτῆς. ὅθεν οὐδὲ θερμὸν οὐδὲ λαμπρὸν ἀφικνεῖται πὸς ἡμᾶς, ὥσπερ ἦν εἰκός, ἐξάψεως καὶ μίξεως 〈τῶν〉 φώτων γεγενημένης, ἀλλ' οἷον αἵ τε φωναὶ κατὰ τὰς ἀνακλάσεις ἀμαυροτέραν ἀναφαίνουσι τὴν ἠχὼ τοῦ φθέγματος ..., 'ὣς αὐγὴ ... εὐρύν' [B 43] ἀσθενῆ καὶ ἀμυδρὰν ἀνάρροιαν ἴσχει [I 330. 10 App.] πρὸς ἡμᾶς διὰ τὴν κλάσιν ἐκλυομένης τῆς δυνάμεως. Vgl. A 59.

ἀπεστέγασεν δέ οἱ αὐγάς,
ἔστ' ἂν ἴηι καθύπερθεν, ἀπεσκνίφωσε δὲ γαίης
τόσσον ὅσον τ' εὖρος γλαυκώπιδος ἔπλετο μήνης.